Populismi infami.

Scritto dail 28 Dicembre 2018

Populismi infami.
Un simpaticone mi fa notare dove sono finiti
i maigoduti nel senso che oggi sono tutti
maigoduti appunto.
Ecco, da tale e tali persone mi sarei aspettato proprio
questo epilogo, che dimostra una volta ancora, se ve
ne fosse bisogno, di come è vile e infame cavalcare
l’onda qualunque essa sia.
Ci sono personaggi che sono stati critici contro questa
proprietà da subito e sono proprio coloro che in questo
momento si baloccano di ciò, non rendendosi conto di
quanto fosse ridicola la loro presa di posizione iniziale,
assolutamente prevenuta, per interessi personali,
antipatie soggettive o bastian contrari a prescindere.
Cosa ci fosse da criticare quattro anni fa lo
sanno poi solo loro.
Le critiche di coloro che hanno abbandonato la
barca le posso trovare quanto meno logiche, visto
i risultati del campo.
Oggi che il re è nudo, l’animo vile e codardo del popolo
si scatena sulla carogna del potente in difficoltà e dei
luogotenenti, tutti colpevoli, tutti incapaci, tutti alla
forca, ma come insegna la storia, una rivoluzione va
preparata perché, quando l’orgia della gogna svanisce,
ci si accorge che a terra poi restano solo macerie sulle
quali è poi difficile se non impossibile ricostruire.
Il consiglio che posso dare ai bastonatori di oggi è
del non farvi guidare da quelli della prima ora che
sguazzano del marasma, del vuoto di potere, o di
“potenti” mica tanto potenti.
Quelli lì saranno gli stessi che ricominceranno col
prossimo e con quello dopo e poi ancora, perché è
la loro ragione d’essere, non hanno mai risparmiato
nessuno, nemmeno Gazzoni.
Solo la famosa cordata consortiana non è stata
contestata, mai, se non con colpevole ritardo.
Fatevi una domanda e datevi la risposta.
Non l’avete?
Ve la do io.
C’erano dentro tutti i poteri forti di Bologna, compreso
quelli che controllano anche l’editoria, quindi era
meglio tacere, tacere e assecondare, e far diventare
Ibson un buon giocatore….
Questi non si chiamano maigoduti, si chiamano infami.
Tosco Madeinbo Radio 1909


Opinioni dei lettori
  1. Andrea   il   28 Dicembre 2018 alle 15:19

    Se tutte le volte che le cose non vanno bene bisogna cacciare tutto via non si costruirà mai nulla…..
    Saputo va benissimo perché assicura futuro alla nostra amata societa…..e badate bene che ciò non è scontato……sparire come hanno fatto Cesena e Modena non è poi così difficile…..i conti e gli investimenti sono importanti oggi quasi come la squadra…..lo schifo tecnico di questi 4 anni non devono far pensare che è tutto sbagliato tutto da rifare…..prima o poi anche noi prenderemo a livello tecnico le persone giuste e allora anche noi ci divertiremo……rischiamo la B mi rompe i coglioni ma anche il Toro con Cairo ci è andato non è la fine del mondo perdere nello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con*


Continua a leggere

Prossimo articolo

FIRE AND DESIRE


Thumbnail
Articolo precedente

SPQR


Thumbnail

Radio1909 Live

Ostinati e Contrari

Current track
TITLE
ARTIST